giovedì 1 febbraio 2007

biscotti con la "maranelo"

"Sono incatenato a questo posto, amo tutto, la legna che butto sul fuoco, la brina nella boscaglia... e quel mistero, quella magia di cui mi sento investito, onorato..." (G. Parise)

Nonostante la quasi metà della mia vita sia trascorsa a Milano, sono nata, e resto nello spirito, vicentina. Nella credenza ho sempre qualche ingrediente della natìa terra, dalla farina gialla per la polenta al riso veronese. Tornerò con altri guazzabugli veneti.
Questi biscottini sono fatti con la farina di maranelo, pregiata come solo in veneto sanno delineare la semplicità elevandola a pregevolezza, e tipica delle nostre zone per la polenta fine e cremosa.


250 g di farina di maranelo (gialla finissima)
200 g di farina bianca
180 g di zucchero
170 g di burro
3 uova
la buccia di un limone


Unite le due farine e setacciatele. Versatele sulla spianatoia insieme allo zucchero e alla buccia del limone grattuggiata. Aggiungete il burro alla farina, quindi 3 uova intere e lavorate fino ad ottenere un impasto semidenso che dovrà essere versato in una tasca da pasticcere e poi sulla placca da forno. Date ai biscotti la forma preferita. Cuocete a 180° per circa 15 minuti.

2 commenti:

rodolfo valentino ha detto...

che belli, chissà che buoni, ma fai la cuoca per lavoro?

Micky ha detto...

Splendidi,
purtroppo non ho la Maranelo in casa,
pur essendo vicentina residente :-)
sennò li farei già stasera!!!
Complimenti per il blog.