venerdì 2 febbraio 2007

riso venere, porri e colombare

Torno a parlar della mia terra con le Colombare, un vino bianco di uve dal profumo un po' esotico di questa azienda vinicola di Breganze che è Firmino Miotti, un po' amico di famiglia, un po' poeta, assolutamente un personaggio moderno d'altri tempi. I vini presenti sulla mia tavola sono quasi sempre i suoi. Ve ne parlerò spesso. Mi è piaciuto l'ambiente quando sono andata a trovarlo, le dolci colline, le viti, la cura, la saggezza e la sapienza, la modernità di una cantina tutta nuova e il calore di quella vecchia, dove i più fedeli sostano ancor oggi per un "goto de vin".



riso venere
un porro
uno scalogno
un bicchiere di Colombare

Fate bollire il riso venere in acqua salata. Tagliate a rondelle sottili il porro e fatelo un po' appassire con lo scalogno in un filo d'olio. Bagnate con metà vino, lasciate evaporare.
Quando il riso è quasi cotto, scolatelo e aggiungetelo ai porri. Fate insaporire qualche minuto ancora, versando l'altro mezzo bicchiere di vino. Servite.

Azienda Agricola Firmino Miotti - via Brogliati Contro 53 - 36042 Breganze (Vi)

3 commenti:

Francesca ha detto...

io ci sono sempre, e le tue ultime ricette mi piacciono assai, slurp soprattutto per la zuppa (molto bella la ciotola) e per i biscotti con la farina delle tue parti. Sempre brava

ginevra ha detto...

io uso il tavernello, a milano dove posso trovare il vino di miotti?

Anonimo ha detto...

A Milano lo trovi presso L'Enoteca Scarpitti in via Petrocchi 27 (laterale di Viale Monza)