mercoledì 10 dicembre 2008

stollen alsaziano



Era dall'anno scorso che volevo provare a farlo. Non so come sia iniziata, ma lo scorso Natale la nostra casa era piena di stollen freschi di forno! Dolce tipico delle feste tedesche, cui Dresda dedica persino un festival. La ricetta da me qui raccontata riprende invece una variante dello stollen tedesco, quella alsaziana, che però ha dei vicini germanici tutta la tradizione. Questo è meno ricco di burro e, a mio parere, risulta un filo secco. Va bene pucciato nel latte. Prossima volta provo una ricetta bavarese. Anzi, se qualcuno la sapesse, sarei felice di provare! Ho omesso anche tutti i vari canditi - che non sempre piacciono, sostituendoli con scorze d'arancia e limone. La casa profumava di agrumi alla fine!
Nel frattempo vi comunico che ho preso un nuovo pc e che forse, tra qualche tempo, una volta installati i dovuti programmi, tornerò un po' operativa anche qui! :-)

per il lievitino
50 cl latte intero
60 g farina
10 g lievito fresco

per la pasta
12 cl latte intero
5 g sale
80 g zucchero
10 g lievito fresco
1 uovo
100 g burro morbido
380 g farina
scorza di 1/4 di limone biologico
scorza di 1/4 di arancia biologica
2 cucchiaini di cannella

per il ripieno
80 g di mandorle
40 g di nocciole
80 g di uvetta
80 g di canditi limone e arancia (facoltativi)
1 cucchiaino di cannella
2 cucchiaini di rum
per finire, zucchero a velo (facoltativo)

Tritate grossolanamente gli ingredienti del ripieno e bagnateli con il rum. Fate macerare. Nel frattempo preparate il lievitino in una ciotola mescolando bene il latte, il lievito e la farina. Poi coprite con 380 g di farina e lasciate riposare senza coprire in un luogo caldo per circa 45 minuti.
Alla fine del tempo di riposo, la farina avrà delle crepe e si sarà un po' affossata: significa che il lievitino ha fatto il suo lavoro.
Versate la farina e il lievitino in un'impastatrice e aggiungete gli altri ingredienti: il sale, l'uovo, lo zucchero, il latte, il burro, il lievito, la scorza dell'aranzia e del limone. Potete lavorare anche a mano (io ho fatto così) per circa 4 minuti. la pasta deve risultare elastica. Rimettete a riposare per circa un'ora, coperta con un telo. Disporre la pasta sul piano di lavoro, e col mattarello stendetela a formare un quadrato di circa 25 cm per lato. Disponete al centro la frutta secca macerata nel rum, lavorate la pasta un po' sempre mantenendo il quadrato. Piegate la pasta su se stessa e, volendo potete a questo punto, tagliarla in due e ricavarne 2 stollen. Fate riposare ancora sotto un telo per un'altra ora.
Da ultimo, fate cuocere in forno caldo a 170° per circa 40 minuti. Se gradite, quando è quasi cotto, spennellate la superficie con del burro fuso. Io ho omesso questo passaggio, e ho semplicemente spolverizzato con dello zucchero a velo.

22 commenti:

Anonimo ha detto...

Brava Adina, come sempre!!!Torna presto operativa che noi ti aspettiamo...Baci, Elena

Monique ha detto...

Buoooono!Lo porti da Anna? Io non so che portare..dolce o salato?

Gerri ha detto...

Io preferisco i salati, però pare molto buono! Brava Adina, come sempre!

Pamy ha detto...

ma che buono!!!!bravissima!

Elisa ha detto...

Lo stollen è uno dei miei dolci natalizi preferiti, non per niente sono italo-tedesca! Buonissimo, anche se è un po' secco credo che ci farai delle ottime colazioni!

manu e silvia ha detto...

anche tu con questo fantastico dolce...caspita ma vi riesce a tutti benissimo..noi prendiamo un pezzettino ok?!
bacioni

Anonimo ha detto...

# gina, ci siete questo week end ??? porti anche lo Stollen ???

sweetcook ha detto...

Io non lo conoscevo fino a due econdi fa, ma adesso che lo vedo mi ispira parecchio;-)

Ciambellina ha detto...

Ciao Adina,
Ultimamente mi dedico a scrivere della cucina e di ricette che mi piacciono nel mio blog, e ti devo dire che il tuo blog mi ha ispirato molto. I miei post sono piu' che altro in inglese in questi giorni ma le foto si pubblicano in lingua internazionale!

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

La settimana scorsa abbiamo fatto incetta di Stollen di Dresda al mercatino di Natale. Ne vado matta. Non conoscevo la versione alsaziana, eppure abito proprio a 20 km dal confine .. ci dovrò fare un salto e provarlo :-)

Che te lo dico a fare ... piatto da favola :-)
Alex

Benedetta ha detto...

adina quanto tempo, come va? bellissimo questo dolce, ti mando un superabbraccio a presto!

Anonimo ha detto...

Buono! Ce ne vorrebbe ora una fettina per rallegrare questo mio pranzo povero povero...magfi

Castagna e Albicocca ha detto...

ricetta fantastica!mi mancava, quindi l'ho subito appuntata e complimenti pe ril blog (è la prima volta che ci passo)

Ciao,
CAstagna

anna ha detto...

Buono buono lo pucciamo nei tè che comprerò dal mio orefice...ops volevo dire dall'arte del ricevere... ;D Baci

Elisa ha detto...

Bellissima foto, da copertina!!!
E peccatonon poter assaggiare il dolce... divertitevi, girls!

Intanto buon Natale a tutte!

P.S. ma ti e` arrivata poi la mail, io te l'ho rimandata!

Denise ha detto...

Che bello questo Stollen!!!
Saluti da una altoatesina d.o.c! Aggiungo il tuo blog tra i miei preferiti!!
Ciao ciao

max - la piccola casa ha detto...

Ottimo!!! bravissima una ricetta buonissima la proverò sicuramente!!!!

Dolcienonsolo ha detto...

Mai preparato uno stollen...DEVO RIMEDIARE...ma ho una lista troppo lunga

Antonella ha detto...

Non conoscevo questa bellissima versione alsaziana. Devo provarlo. Grazie per la ricetta.

elisa ha detto...

Io ho assaggiato uno stollen in trentino...buonissimo!!Complimenti per la riuscita!!

isabella ha detto...

Adina! ma lo stollen di dresda è il trionfo dei canditi, poi deve essere imburrato e zuccherato con lo zucchero avelo e fasciato per almeno 15 giorni prima di essere consumato! proprio come il bambinello gesù. io non amo particolarmente i canditi ma devo dire che nello stollen e il fruitcake a natale acquistano un altro sapore. Io l'ho fatto l'anno scorso con la ricetta originale ...

isabella ha detto...

... oggi mi è stato richiesto lo stollen .. di nuovo .... magari provo il tuo ..baci Isa