venerdì 14 settembre 2007

orecchiette con peperoni e capperi



Ma voi lo sapevate che i capperi sono il bocciolo della pianta e non il fiore? E che crescono nelle fessure dei muri a secco e che c'è l'usanza di sparare tipo cerbottana i semi di cappero tra le fessure dei muretti per incentivarne le coltivazioni? Io non lo sapevo, me l'hanno raccontato là. La specie migliore è la varietà "nocellara", piccolissimi capperi che crescono a Pantelleria, e il cui marchio è protetto.
Io... avrò preso troppi capperi quest'estate? E dire che non mi piacciono neanche tanto.. cioè, li mangiavo banalmente solo nella pasta al tonno fino a qualche tempo fa ma, si sa, nel tempo i gusti cambiano. O magari che questi capperi siculi-per-davvero siano particolarmente buoni? In ogni caso, ora li mangio con piacere, mai troppi per carità, il sapore a gusto mio resta un po' forte.
Avevo un peperone in frigo, e la ricotta salata presa sempre al mercato a Catania.. sì lo so, vi sto propinando tanti prodotti della vacanza.. ma che ci posso fare? Mica li posso lasciare là, no?
Questa volta non metto le dosi, credo dipenda molto dal gusto personale.

orecchiette
peperoni
cipolla rossa
qualche cappero al sale
olio extravergine
ricotta salata
basilico

Fate appassire, quasi tostare, lentamente, in un tegame spruzzato d'olio la cipolla rossa tagliata fine, i capperi, precedentemente lavati dal sale, e i peperoni tagliati a cubettini piccolissimi (io li ho usati rossi solo, perchè mi piace il colore :-)). Lasciate cuocere finché i peperoni siano morbidissimi. Condite le orecchiette, e finite con una manciata di basilico tagliato all'ultimo e una grattata di ricotta salata!
Un piccolo suggerimento, forse superfluo: l'ho fatta almeno tre volte questa pasta, una sola con le orecchiette e le altre con la pasta secca. Le orecchiette sono perfette, morbide e assorbono il giusto del sugo. Sarà stato un caso, ma secondo me ci va una pasta fresca.

20 commenti:

apprendistacuoca ha detto...

eh no! la foto che sembra che la forchettata sia diretta al mio palato no! è un attentato!

si vede che le orecchiette sono la morte sua! del sugo,intendo!

baci

k ha detto...

boone!
Pure io stasera farò le orecchiette, ma + tradizionali con i broccoli...
baci
ps: ho appena fatto la tua fantastica mousse!!! grazie :)))

franci ha detto...

Buooooni i capperi! anch'io li abbino ai peperoni quando li preparo come contorno (ok, aggiungo anche olive nere e acciughe!)... che fame!

Alex e Mari ha detto...

Beh, oggi che è finito lo sciopero posso dirlo: AMOOOO la pasta e le orecchiette al 1° posto in assoluto! Ha ragione Apprendista: quella foto sembra animata e la bocca si avvicina automaticamente allo schermo! Ciao, Alex

sandra ha detto...

Esatto!!!! :))) Finito lo sciopero possiamo farci del male ( stò a dietaaaaaaaaaaa) e mangiare un paio di etti di qs delizie! Fameee!
due ingredienti super capperi e epeproni.. due acciughette no??mi pare di vederle nella foto lì sotto!!
www.untoccodizenzero.it
(ormai blogger non mi riconosce più!!)

The Food Traveller ha detto...

Orecchiette ... proprio quello che avevo in mente di cucinare nei prossimi giorno :-)

Polifemo ha detto...

Bellissime le foto ed invitante la ricetta.

Elena ha detto...

mmmmhhhhhmmmmm quella forchettata di orecchiette mi prende per la gola!!!!Belle tutte stè ricette sicule!Buon WE. Elena

Michela ha detto...

mi trovo d'accordo sull'uso della pasta fresca.
In frigo ho i peperoni, i capperi... il basilico fresco sta sul davanzale...vediamo di prendere quel che manca e poi gnàm.

golosastro ha detto...

gnam gnam... spero tu li abbia presi sotto sale (se no mettili tu... durano aaaanni!!)
eheheh
il fiore del cappero è stupendo..
e buonissssimi pure i frutti (cetriolini)
e poi inizierai ad usarli di più.. di più e di più ancora!!!
innamorati dell'isola???
ciaociao scappo già ;-)

Anonimo ha detto...

Quante meraviglie si portano dalla Sicilia! Proverò sicuramente la ricetta.
Il cappero è una pianta straordinaria, elegante nei fiori, delizioso nei frutti. Adoro capperi e cucungi e non ritengo siano troppo forti. E' sufficiente sciacquarli e lasciarli a bagno cambiando l'acqua 2-3 volte e tornano ad essere un fresco accompagnamento abbinabile ad un'infinità di piatti. Solo per fare un esempio: hai mai provato gli spaghetti appena scolati conditi immediatamente, a freddo fatto con piccole quantità di olio, burro, capperi, cipolla rossa tritata fine, pecorino e malvasia delle Lipari? E' una ricetta tipica di Salina che trovo molto intrigante.

sergiott ha detto...

Ciao carissima amica:Non mancano mai nella mia dispensa, indispensabili per la preparazione dei sughi per la pasta. Io personalmente li trito col coltello e li aggiungo al soffritto senza lavarli. In tal modo risparmio poi di salare il sugo. Aggiunti alla maionese (tritati) danno na buona salsa per accompagnare il pesce. Poi intanto che li uso, ne mangio sempre qualcuno non sò resistere.

ciao

Elisa ha detto...

Il fiore del cappero e` stupendo, concordo con golosastro, cmq il cappero e` il fiore, un fiore in boccio, mentre quelli che spesso chiamano fior di cappero sono i cocunci, cioe` il frutto :)

Bone 'ste orecchiette :)


P.S. a Roma le mura vaticane sono piene di piante di cappero :)

CoCo ha detto...

Adina in merito ai capperi ci somigliamo un poco è un gusto che sto scoprendo con gli anni prima li evitavo salvo qualche eccezione. Da noi in Calabria crescono spontanei come in Sicilia e li consumiamo in diversi modi pensate che il bocciolo semi-aperto viene raccolto lessato, qualche istante e poi lasciato addolcire in acqua infine si consuma saltato in padella col pomodoro fresco e l'aglio oppure impastato con uova e farina a frittelle. Un'altra cosa eccezionale che del cappero consumiamo sono i germogli ovvero le estremità della pianta, una volta raccolte solo d'estate vanno pulite dalle spine che le ricoprono e poi dopo lessate vanno lasciate addolcire in acqua prima di consumarle in insalata con olio aceto e aglio. Non vi posso spiegare il gusto ma è una roba eccezionale che del cappero che tutti conosciamo non ha quasi nulla.

Anonimo ha detto...

Ottima idea, corro a casa e la propongo alla consorte e poi ti faccio sapere, tanto ......... dalla stanza di sotto è un'attimo.

lefrancbuveur ha detto...

bel piatto mediterraneo!

SCRAPUCINA ha detto...

Golosa ricettina e interessante blog!
Passa da me se ti va!
Ciao
Fra

CoCo ha detto...

Adina ci sei? Ma dove sei finita? Ti ho votata per le foto ma avrei voluto votareti in altre due sezioni ciao

nini ha detto...

che bella foto..deve essere una bontà questo piatto!

Elena ha detto...

Adina ma te ne sei tornata di nuovo in Sicilia?!?Mahhhh!!!Buone le orechiette però mò cambiamo ricetta nehhh...Baci, Elena