lunedì 17 dicembre 2007

tartelette romane (quasi una foresta incantata!)



Questa tortina è frutto di un'invenzione. Quello che c'era in frigo, senza pensieri. Nel mio frigo c'è quasi sempre parecchio cibo... soprattutto ci sono sempre molte uova e molto burro, e nella dispensa molta farina!! Ma non invecchiano mai... in questo periodo poi, tra biscottini vari e torte, urge far la spesa spesso. Ho fatto ieri, sempre della serie "c'è il matcha da finire" e "non mi capacito che qualcosa non mi piaccia"quei biscottini verdi che si son visti qua, qua e qua. Allora, belli erano belli, decisamente. Son venuti precisi, con tutto lo zucchero attorno.. ma il sapore.. no, no, non fa per me. Ritorno sul mio pensiero iniziale. Non riesco. Resto in tema verde con il broccolo, però! :-)

per circa 5 tartelette

per la base (ricetta di C. Felder)

200 g di farina
5 g di sale
90g burro a pezzetti
un uovo
20 g d'acqua

per il ripieno
un broccolo romanesco
125 g di ricotta
un pizzico di sale e di pepe
un cucchiaio di panna
un cucchiaio di senape
qualche nocciola
una grattugiata di pecorino romano

Preparate la pasta, mescolando il burro a pezzetti con la farina e il sale. Quando la farina avrà assorbito il burro, aggiungete l'uovo e da ultimo l'acqua. Otterrete una pasta elastica, che avvolgerete nella pellicola e lascerete riposare in frigo un'oretta. Trascorso questo tempo, riprendete la pasta e stendetela in una teglia grande (o in 5 formine individuali), fateci dei buchetti con la forchetta, metteteci dei fagioli dentro e cuocete in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Nel frattempo preparate il ripieno. Fate bollire il broccolo già tagliato a roselline in acqua salata. Tenete da parte qualche rosellina che servirà per la guarnizione, e frullate il resto con la ricotta, la panna, la senape e il sale. Otterrete una cremina verde e densa, dal sapore non invasivo. Quando le tartelette hanno terminato la prima cottura, riempitele con la cremina, e guarnite con le roselline dei broccoli bollite e qualche nocciola tostata e tritata grossolanamente. Ripassate in forno altri 10 minuti. Da ultimo, spolverate con una grattugiata di pecorino romano e un pizzico di pepe.

16 commenti:

Cookie ha detto...

Sembra un bosco in miniatura!! Bello! Ciao.

simo ha detto...

W Roma e i suoi cavoli :-)

christian ha detto...

belli da vedere, ottimi da mangiare!

Elisa ha detto...

Christian, ma tu non eri a regime prenatalizio? :))
Il broccolo romano, oltre che essere buono, e` anche bellissimo nella sua perfezione e poi e` verde come il verde broccolo del mio blog e pure della mia cucina :)

Mi unisco al coro del W Roma :)

adina ha detto...

cookie, hai visto? ho aggiunto al titolo il tuo suggerimento! :-))
ciao cri cri, erano buone, nevvero? :-)
ciao elisaaa! riusciremo a dirci ciao prima di natale? chissà..
pisolina, oggi caos totale, as usual. il tel suona persino in pausa!

stelladisale ha detto...

ok sono un po' stanca ma non credo di avere le visioni, nel reader vedo delle meringhe, una ciambella, ma soprattutto è piena di spezie!!! :-)

The Food Traveller ha detto...

Che sfizio!!!! Usare il romanesco per creare forme di alberi!
Geniale!

Chef Vellino ha detto...

Complimenti,bellissima la tua tartelletta,inoltre sono un grandissimo estimatore del broccolo romanesco,che tu hai saputo sapientemente abbinare,brava.

Alex e Mari ha detto...

La tua invenzione è davvero sfiziosa! Brava! Da buona romana non posso che amare il broccolo romano!
Sai che volevo fare anche io i biscotti al matcha, magari con la formina dell'albero di Natale, ma la vedo come te. Il sapore proprio non mi convince! Ciao, Alex

elisabetta ha detto...

E' davvero una bellissima creazione, gioiosa e gustosa.

Anonimo ha detto...

Bellissimi gli alberelli di Natale così al naturale....sembra proprio un paesaggio incantato!!!Sei sempre la mia cuoca preferita...a presto!Elena

golosastro ha detto...

io mi incanto sempre a guardarli crudi...
ogni spirale è fatta da altre spirali...
è una verdura escheriana!!!
(la perfezione della natura)

sciopina ha detto...

geniale!Questa tartelletta e' stratosferica!
Bravissima
sciopina

Moscerino ha detto...

ma quante cose buone che mi sono persa...senti, ho una domanda in tema tartellette e simili: io non riesco mai a fare una cottura in bianco decente,con nessun impasto! dove sbaglio??? mi si gonfia sempre tutto, perde forma, diventa brutto,u birdi si "ritirano"...insomma un disastro!! :-( mi sai dare qualche consiglio? le tue sono così belle....

Moscerino ha detto...

ed è bellissima anche la composizione del ripieno...peccato che qui il broccolo romani non si trovi facilmente...proverò con quello normale perchè questa ricetta mi ispira troppo!

adina ha detto...

@moscerino, per fare delle tartelette precise impasta questa pasta di questo post oppure vengono bene anche con la pasta brisée che trovi sul tortino di cipolle e fichi. Lasciala riposare in frigo prima di usarla, poi stendila col mattarello (meno di mezzo cm), mettila nella formina ed elimina sempre col mattarello la pasta che deborda. facci dei buchini coi rebbi della forchetta. mettici dentro un po' di carta forno e dei fagioli secchi. Così in forno per circa 10-15 min. Non si dovrebbe gonfiare, sai? prova e fammi sapere. ciao!
@ciao tommy! sono bellissimi, eh? li ho cercati spesso, finalmente trovati. davvero escher sembrano! :-)