mercoledì 7 maggio 2008

ma la ricetta qual è?



E' la brama della ricerca del tempo che mi opprime, quelle ore che si susseguono via via più dense e appiccicose alla volta di desideri che solo quando non li puoi realizzare li senti così pregni e lontani.
E' nel biciclettare verso casa alle nove di sera che nella mente tutto si confonde e dispiega, malinconica, e raccoglie briciole di numeri disordinati che spiaggiano, man mano la strada si avvicina all'uscio, verso una pacatezza apparente.
E' nel ripiegare le membra stanche, e in loro una testa distratta, che non mi riesce di ricordare dove ho trovato la ricetta di questo budino.
Potrebbe essere un biancomangiare, rammento solo che non era granché buono. C'erano delle mandorle, lasciate in infusione nel latte 12 ore, e strizzate come dovrebbe essere il mio cervello ora, ma poi... il sapore non era di mandorle. Solo era venuto con questa forma garbata e deliziosa, grazie agli stampini della Silikomart. * Certo il frutto della passione è rintracciabilissimo.
Ce l'avete una ricetta di un biancomangiare o di un budino buono, che sappia davvero di mandorle? Così rifaccio il tutto con questi stampini...

* sul sito Silikomart effettuando una spesa minima di 40 euro (spese di spedizione escluse) potrete ricevere in omaggio lo stampo Fiore Basso (SFT726, colore silver) della linea Royal.

21 commenti:

stelladisale ha detto...

io ce l'ho nel mio blog il budino di mandorle che sa di mandorle, ma è vegano-macrobiotico e quindi non credo sia quello che cerchi tu e sicuramente l'hai anche visto...
ma che stampino romantico!

JAJO ha detto...

Purtroppo non ce l'ho però penso che in rete lo si possa trovare.
Complimenti però per il tocco colorato del semino in cima al fiore :-D

salsadisapa ha detto...

a parte che questo stampo è BELLISSIMO....
è da un bel po' che voglio fare il biancomangiare, ed auspico che sappia davvero di mandorle :-) se ci riesco ti dico!!
baci :-)

Sere ha detto...

Elenucciaaaaaa!!! Mmm..ti leggo un pò "così così"... tutto bene cara?
Se vuoi, scrivimi, a me fa piacere, lo sai!
Anche io ho preso degli stampini a fiore... devo ancora provarli, l'effetto vedo che risulta meraviglioso!
Un baciooooooooooooonissimo!

Anonimo ha detto...

Leopardi era meno affannato! magfi

adina ha detto...

sei tu il mio leopardi, magfina!! :-)))

campo di fragole ha detto...

Carissima se torni la sera alle 9 grazie che non hai tempo!! Io se fossi occupata fino a qiell'ora tutti i giornie non avrei nemmeno un blog!
Nei prossimi giorni faro' qualcosa di bianco con le mandorle.... ti dico qualcosa di bianco perche' francamente non so' come uscira' e si tratta di budino o crema...ti faro' sapere comunque!
Baci

CoCò ha detto...

Bello a vedersi per la ricetta che dire prova magari il mio biancomangiare http://www.saleepepequantobasta.com/2008/02/biancomangiare-alla-crema-di-pistacchi.html mi sembrava buono quando l'ho fatto però poi son gusti

Lo ha detto...

mamma mia però è bellissimo..;)

Alex e Mari ha detto...

Allora succede anche a te di mettere ricette in archivio e poi non ricordarti della ricetta!! A chi lo dici. In attesa che ti propongano delle belle ricette (io non ho mai fatto budini!) ammiro questo fiore budinoso bellissimo.

Ciao, Alex

Anonimo ha detto...

Ciaooooo Adina, dico solo che le tue parole son poesia...Bacio, Elena

Elisa ha detto...

Pour moi? :)

Devo ritrovare il biancomangiare di Altopalato e te lo giro.

P.S. mannaggia alle giornate piene strapiene!

Spilucchina ha detto...

Molto carino lo stampo.
Anch'io ho avuto una terribile esperienza col biancomangiare. Ho seguito una ricetta con farina di riso. Non mi era affatto piaciuta. Ne scopiazzerò qualcuna di quelle a te proposte...

Monique ha detto...

come mi ritrovo..anche se io non bicicletto ma "sgaso" in motorino anche io non vedo l'ora di essere a casa per ripiegare le stanche membra ultimamente...mi solleva solo l'idea che l'estate, in fondo, non è poi così lontana...

Saretta ha detto...

Ciao bella!
La signora Siciliana che ci ospitò nel suo agriturismo las corsa estate mi fece il biancomangiare..divino!basta usare il latte di mandorla zucchero, cuocerlo ed aggiungere della fecola per addensare.Scusa l'imprecisione ma ti ho riportato quello che sentii!
Un bacione
saretta

NADIA ha detto...

A me sembra delizioso... ma si può fare anche con il latte di cocco?
Mumble, mumble...
Nadia - Alte Forchette -

Cristina ha detto...

Esiste in commercio un panetto specifico - tipo pasta di mandorle - per fare il latte di mandorla (quella roba che dovresti avere ottentuo mettendo a bagno le mandorle tritate nel latte) che serve proprio per il biancomangiare.
Potresti provare con uno di quelli. Se siculo, magari d Avola, meglio.

adina ha detto...

grazie per i suggerimenti. in effetti avevo pensato al latte di mandorla, ma non mi spiegavo allora 'sto lasciare in infusione le mandorle se poi non avevano sapore... forse che le mandorle che ho preso non sapessero di niente? :-)
il panetto invece lo conosco, cristina, sai? grazie dell'idea!! lo vendono anche vicino a me in un negozio siciliano. provvederò.
elisa, mo' ti chiamo! e attendo ricetta di altopalato. :-)))

Cristina ha detto...

Direi più probabilmente perché erano tutte mandorle dolci. Ci voleva anche quache mandorle amara. É con quella che ottieni il "sapore di mandorle" in preparazioni di questo tipo.
Però le mandorle a amare non si possono vendere al dettaglio (sono molto velenose), ma solo in miscela confezionata (al max 5% di mandorla amara) con quelle dolci.
I panetti che conosci anche tu le contengono.

Mariluna ha detto...

Si si queste formine ce l'ho, non ho ancora realizato nulla, sono là che aspettano un dolcetto...questo mi pare ottimo e poi per la sua piccola dimensione và in bocca che é una bellezza...ciao

Anonimo ha detto...

ahahah ma è mai possibile???
come riconnettersi??
sono un po' sfasato... eheheh ma hai poi riprovato? con le armelline? con il latte di mandorla???
son passato a rubarti ancora la ricetta del molleux choco framboises (così l'ho ribattezzato) che è piaciuto tanto tantooo ;-)
bises
t.